Italiano

Provvedimenti a tutela delle strade e del territorio comunale. Obbligo ai proprietari dei fondi confinanti con le strade di provvedere alla periodica manutenzione delle ripe, del taglio degli alberi, degli arbusti e delle siepi.

giovedì, 11 gennaio 2018


Prot. 175
                                                                                                                       

OGGETTO: Diffida a tutti i proprietari, affittuari, conduttori o detentori a qualsiasi titolo dei terreni confinanti con le strade comunali, sia all'interno che all'esterno del centro abitato, delle strade vicinali e di quelle silvo-pastorali a dare esecuzione alle prescrizioni contenute nell’ordinanza n. 06 del 17.02.2014 avente ad oggetto “Provvedimenti a tutela delle strade e del territorio comunale. Obbligo ai proprietari dei fondi confinanti con le strade di provvedere alla periodica manutenzione delle ripe, del taglio degli alberi, degli arbusti e delle siepi.”

 

IL SINDACO

PREMESSO

CHE i proprietari, affittuari, conduttori o detentori a qualsiasi titolo dei terreni confinanti con le strade comunali, sia all'interno che all'esterno del centro abitato, delle strade vicinali e di quelle silvo-pastorali, devono provvedere:

- a mantenere, permanentemente regolati, mediante taglio accurato, anche in altezza, rami, fronde, siepi vive, sterpaglie, erbacce, alberature, ivi comprese le piante di alto fusto, nonché le altre essenze arbustive, in maniera tale da evitare restringimenti della strada, garantire la visibilità e la sicurezza della circolazione, assicurando la piena visibilità e leggibilità della segnaletica stradale dalla distanza e dall'angolazione necessarie;

- all'abbattimento degli alberi pericolanti, che possono essere di ostacolo alla sicurezza degli impianti tecnologici e dei manufatti posti lungo le strade stesse o costituire pericolo e disservizio della circolazione soprattutto in concomitanza di fenomeni meteorologici avversi;

- a verificare che le piantagioni poste a confine rispettino le distanze minime stabilite dall'art. 892 del Codice Civile e del Codice della Strada e in caso di difformità ad osservare tali distanze.


CHE tali direttive devono essere eseguite costantemente durante l'intero arco dell'anno al fine di evitare l'insorgere dei pericoli sopra rappresentati, così come riportato nell'Ordinanza Sindacale n. 06 del 17.02.2014 tutt'ora in vigore;


RITENUTO necessario tutelare la pubblica incolumità mediante l’abbattimento e/o la potatura di tutte le essenze che generano pericolo ed ostacolo alla circolazione o che creano pericolo per la pubblica e privata incolumità;


VISTI GLI ARTT.:

- 16, 17, 29, 30, 31, 32, 33 del D.Lgs. 30/04/1992 n° 285 (codice della Strada) e s.m.i.;

- 26 e 27 del DPR 495/1992 (Regolamento di esecuzione ed attuazione del codice della strada) che dettano norme sulle piantagioni di alberi e sulla manutenzione dei pendii in adiacenza a strade pubbliche;

- 892, 894, 895, 896 del Codice Civile;

- 54 del D.lgs n. 267 del 18 agosto 2000, da cui deriva la competenza del Sindaco in ordine all’atto de quo;

- 21 bis della L. 241 del 7 agosto 1990;

 
VISTA l'Ordinanza Sindacale n. 06 del 17.02.2014

 
DIFFIDA

 
tutti i proprietari, affittuari, conduttori o detentori a qualsiasi titolo dei terreni confinanti con le strade comunali, sia all'interno che all'esterno del centro abitato, delle strade vicinali e di quelle silvo-pastorali a  dare esecuzione alle prescrizioni contenute nell’ordinanza n. 06 del 17.02.2014 (allegata al presente provvedimento) entro 7 (SETTE) giorni dalla data di affissione del presente atto all’albo pretorio dell’Ente;

 
AVVERTE CHE


1. Le operazioni di taglio e/o potatura delle piante, dovranno essere eseguite da personale in regola con i contratti di lavoro e l’utilizzo di materiale antinfortunistico ed, in particolare, usando cura in modo che nella caduta non provochino danni a persone, o a cose. Il materiale vegetale, i tronchi, le ramaglie e quant’altro dovranno essere ritirate dalle stesse aziende che procedono al taglio ed alla potatura e non potranno né essere accatastate né occupare la sede viaria e/o aree pubbliche;


2. E’ fatto obbligo durante l’effettuazione dei lavori di garantire la pubblica incolumità e nel caso si dovesse operare dalla strada, di procedere alla installazione di relativa segnaletica a norma di Legge per segnalare ai veicoli la presenza dei lavori in corso;


3. Fatta salva ogni eventuale azione penale al riguardo, le ditte esecutrici dei lavori rimarranno responsabili in conseguenza di danni che possono verificarsi per cause riconducibili ad inosservanza del presente atto.

RICORDA CHE,


trascorso infruttuosamente il suddetto termine, l’amministrazione Comunale provvederà direttamente all’esecuzione delle suddette opere a spesa degli obbligati.


A TAL FINE INFORMA

 
che sarà cura di questo Comune individuare una ditta che intenda procedere alle suddette operazioni di taglio e di asporto del legname a titolo non oneroso per i proprietari previo contatto con i diretti interessati. 

 
Le operazioni di taglio saranno effettuate dall’operatore economico individuato per una profondità di mt. 03,00 a monte ed a valle della strada, garantendo la viabilità nelle fasce di transito dei mezzi del trasporto pubblico locale, dei lavoratori e dei pubblici servizi in genere.

Laddove le operazioni richiedano particolare attenzione o presentino complicanze per gli operatori o per la viabilità, si disporrà la sospensione della circolazione fino al ripristino delle condizioni di sicurezza.

La ditta si farà carico delle dovute segnalazioni all'utenza.

Ogni richiesta, lamentela, segnalazione od altro, dovrà essere rivolta esclusivamente alla ditta individuata.

DISPONE


La massima pubblicità della presente diffida, tra l'altro, mediante:


- Affissione nei luoghi pubblici e su tutto il territorio Comunale;

- Pubblicazione all'Albo Pretorio on-line e sul sito internet di questo Comune (www.comune.torreano.ud.it).


Il presente atto è reso noto al pubblico mediante pubblicazione all’Albo Pretorio Comunale, sul sito dell’Ente (www.comune.torreano.ud.it), mediante affissione in luoghi pubblici.


RICORDA CHE


- Ai sensi dell’art. 5, 3° comma della Legge n. 241/90 e s.m.i l’ufficio competente è l’Ufficio Tecnico Comunale ed il Responsabile del Procedimento è il Geom. Bruno Previato.

- Ai sensi dell’art. 3, 4° comma della L. n. 241/1990 e s.m.i, contro il presente provvedimento può essere proposto ricorso amministrativo al TAR di competenza entro 60 giorni dalla data di notifica o in alternativa, ricorso al Presidente della Repubblica entro 120 giorni dalla notifica.

- Ai sensi dell’art. 10 della L. n. 241/1990 e s.m.i, gli interessati possono prendere visione degli atti e farne copia in orario d’ufficio, previo appuntamento presso l’Ufficio Tecnico Comunale.

 
Torreano, 10/01/2018

 
 

Il Sindaco

Sabbadini Roberto